La noeuva generazzion lombarda la farà su la koiné?

Mi a parli milanes, almen a pensi. Ma, a bon cunt, l’è no inscì vera: mi a parli un dialet a bas milanesa, ma propi koinezad. Cossa l’è una koiné? A l’è un dialet che ‘l fa de tecc a ‘na lengua.

Per esempi mi disi “fiss” e “luccià”, che in del milanes moderno inn estint, ma che viven ben in del lombard oriental. Ma disi anca “lor i parla”, forma che in milanes l’era doperada, ma men.

Rispet ai noster noni, che parlaven soratut dialet con quej de la soa zona, el nost parlà lombard a l’è pussee compagn de quell di so noni, che parlaven anca con sgent de foeura e tegniven vive i forme che, anca se eren no prevalent in la zona, eren istess doperade e cognossude.

Inscì, a parlà no domà in tra milanes e milanes, bergamasch e bergamasch e cremones con cremones, i parolle sgiren, i ligam diventen pussee fort, se gh’è di “voeud” in d’un dialet inn impienid di alter e, pussee che vem inanz inscì, pussee che se rendarem cunt de quell che ne uniss e quell che ne divid el se sbassarà semper pussee.

A rivarem mai, ciar, a un unegh dialeton, anca l’italian che per la pupart el vegn di midem font el gh’ha di gran diferenze locai e l’è parlad de ‘n 200 agn, menter che ‘l lombard el riva per la pupart del latin e l’è parlad de squasi 1’000 agn. Ma, a bon cunt, a l’è propi probabel che la lengua che la sortirà de la noeuva generazzion lombarda la sarà pussee unida de quella che hann ciapad in eredità…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *